Stampa questa pagina
Martedì, 03 Dicembre 2013 17:57

Giovanni Paolo II benedice in Piazza San Pietro la statua Mamma della Pace

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Anno Santo 2000

Giovanni Paolo II benedice in Piazza San Pietro la statua Mamma della Pace

Giubileo dei Vescovi

 

Nella cornice della maestosa piazza di S. Pietro, anno Santo 2000, il 7 ottobre, presenti oltre 1.500 Vescovi provenienti da ogni parte del mondo per partecipare al Giubileo dei Vescovi, il Santo Padre Giovanni Paolo II, al termine della solenne Celebrazione Giubilare, benediceva la Statua Mamma della Pace destinata alla Cattedrale di Bukavu che porta il suo nome.

La stampa parlava di uno spettacolo di tanti Vescovi riuniti insieme che non si verificava dai tempi del Concilio Vaticano II.

 

Presente alla cerimonia di benedizione doveva esserci anche l’Arcivescovo di Bukavu Mons. Emmanuel Kataliko, ma questi morì pochi giorni prima, per infarto, il 4 ottobre 2000, a Rocca di Papa (Roma) dove stava mentre partecipava alla XII Assemblea Plenaria del Simposio delle Conferenze Episcopali d’Africa e Madagascar (SECAM).

Fu Mons. Kataliko a chiedere con insistenza, al nostro Presidente, che aveva incontrato due anni prima, una statua della Mamma della Pace da collocare nella sua Cattedrale a Bukavu.

Il Santo Padre, che conosceva molto bene Mons. Kataliko, dopo la Cerimonia di benedizione della Statua, ha avuto un breve colloquio con  il nostro Presidente, Aniceto Battani, il quale  ha espresso al Santo Padre tutta la sua ammirazione per questo Pastore che aveva il coraggio di parlare ai politici e denunciare i loro soprusi e tutte le loro ingiustizie. In quel straordinario incontro il Santo Padre definì Mons. Kataliko con queste parole: “Uomo coraggioso, uomo di giustizia e di pace, estremo difensore della verità senza compromessi”.

L’8 dicembre 2000 la statua veniva portata processionalmente nella Cattedrale di Bukavu, accompagnata dal Vescovo del Kasongo, Mons. Théophile Kaboy che sostituiva per le cerimonie solenni il defunto Mons. Kataliko, seguiva, poi, tutto il clero di

Bukavu e numerosissimi fedeli.

Letto 615854 volte Ultima modifica il Mercoledì, 04 Dicembre 2013 14:25